Continue

Novità dal mondo Porsche

  

Un’idea brillante

Porsche intraprende vie innovative per rendere trasparente l’impronta di CO₂. Un progetto pilota di Porsche e delle aziende fornitrici BASF e Motherson è stato premiato con il Global Innovation Award dell’investitore statunitense Plug and Play. Il programma della start up berlinese CircularTree si chiama CarbonBlock. L’applicazione della blockchain rende tracciabili le emissioni di gas serra delle supply chain. La trasmissione digitale dei dati sulle emissioni di CO₂ generate dai componenti lungo la supply chain avviene sulla base dei cosiddetti smart contract, che verranno predisposti per le aziende partecipanti al processo. Diventa così possibile calcolare in modo standardizzato l’impronta di CO₂ di un prodotto.

Aggiornamenti sicuri

Le funzioni digitali sui veicolo diventano sempre più importanti e numerose. Per questo, gli aggiornamenti software tramite interfaccia radio – i cosiddetti over the air – sono sempre più al centro dell’attenzione. Il software è un fattore di differenziazione del futuro. Con la partecipazione in Aurora Labs, Porsche Automobil Holding SE amplia il suo portafoglio in questo mercato in crescita. L’azienda israeliana Aurora Labs è stata fondata nel 2016 ed è specializzata in convalida, verifica e aggiornamento di software nel campo delle automobili e dei dispositivi connessi.

La tecnologia line-of-code sviluppata da Aurora Labs per l’analisi di codici sorgente fissa nuovi standard in termini di gestione software, diagnosi remota e aggiornamenti over the air. Essa esegue aggiornamenti di sistema per tutto il veicolo senza perdite di tempo e riconosce anche eventuali errori del software. In quest’ultimo caso, il software ripristina una precedente versione funzionante senza creare tempi morti. Inoltre, la nuova soluzione è in grado di accorciare i tempi di aggiornamento fino al 90% nonché di ridurre lo spazio di archiviazione necessario, i costi del trasferimento dati e il fabbisogno energetico.

E-bonus

Per stimolare una mobilità sostenibile, la start up &Charge, fondata da Porsche Digital e con sede a Francoforte sul Meno, offre il primo programma fedeltà per la mobilità elettrica in Europa. Per gli acquisti, le prenotazioni e altre operazioni svolte sulla piattaforma digitale, gli utenti ricevono i cosiddetti chilometri, utilizzabili come crediti per la ricarica di auto elettriche o per corse gratuite su e-scooter pubblici nonché per offerte di car sharing. Azienda a impatto climatico zero sin dalla fondazione, &Charge contribuirà in modo decisivo ad accelerare la svolta verso soluzioni di mobilità sostenibili. Attualmente l’offerta è disponibile in Germania, Austria, Belgio, Svizzera e Paesi Bassi; a breve seguiranno altri Paesi. All’iniziativa hanno già aderito oltre 700 partner di e-commerce e 16 fornitori di mobilità.

I vantaggi del lino

Una Porsche molto particolare alla prova: per la prima volta alla 24 Ore del Nürburgring ha partecipato una Porsche 718 Cayman GT4 Clubsport MR con una carrozzeria realizzata in un materiale composito a base di biofibre. I materiali compositi sostenibili si ottengono da fibre di lino di produzione agricola e sostituiscono i componenti pressofusi in metallo e plastica dell’auto sportiva di serie. Il mix di fibre naturali doveva soddisfare i requisiti di sicurezza e qualità per l’impiego in gara. È soprattutto in ambito sportivo che il nuovo materiale offre vantaggi: i componenti della carrozzeria ammortizzano cinque volte meglio le vibrazioni e, in caso di incidente, si disintegrano in pezzi più grandi e meno taglienti. Al tempo stesso la loro produzione è meno costosa e richiede meno energia. Porsche effettua attivamente test su materiali sostenibili, al fine di ridurre costantemente l’impatto ambientale. Lo sviluppo del rivestimento e dei componenti innovativi si basa su una collaborazione avviata nel 2016 da Porsche con il Ministero federale tedesco per le politiche alimentari e l’agricoltura (BMEL), l’istituto Fraunhofer per la ricerca sul legno (WKI) e l’azienda svizzera Bcomp.

Classicismi a bordo

Nel 1963 un orologio elettrico fece la sua comparsa nella strumentazione di bordo della Porsche 911. Nel 1972 Porsche Design lo convertì in un cronografo da polso di successo mondiale. Ora i suoi principi creativi si trasferiscono dal polso al centro del cruscotto. L’orologio Subsecond di Porsche Design, inserito nel nuovo pacchetto crono sportivo, rende omaggio alla versione classica. Si tratta di un segnatempo elettrico di manifattura dotato di preziose lancette e quadrante con indici in ceramica rivestiti in Superluminova. In combinazione con una tecnica di illuminazione appositamente studiata, garantisce l’effetto e la nitida leggibilità di un pregiato orologio da polso. Come quelli offerti da Sport Chrono Collection di Porsche Design – personalizzabili per un abbinamento perfetto con gli strumenti di bordo.

Articoli correlati