«Una vettura dal grande fascino al momento giusto»

Albrecht Reimold, membro del consiglio di amministrazione Porsche e responsabile Produzione e Logistica, parla della Taycan, di un futuro con propulsori misti, di neutralità climatica e di entusiasmo inarrestabile

   

Signor Reimold, ci saranno ancora motori a combustione interna nel 2050?

Tenendo conto di tutti gli elementi che posso valutare allo stato attuale, la risposta è chiara: sì! In Porsche abbiamo adottato già da anni una strategia produttiva chiara e sostenibile. Si basa su una triade formata da motori a combustione efficienti, modelli ibridi a basse emissioni e mere vetture elettriche. Le tecnologie a basse emissioni svolgono un ruolo sempre più decisivo. Il motore a combustione ha ancora tutte le potenzialità per soddisfare le crescenti sfide ambientali.

Anche in Porsche?

Soprattutto in Porsche! Tra soli cinque anni una Porsche su due avrà un motore elettrico: come veicolo ibrido o come pura auto sportiva elettrica. In questo modo assumiamo un ruolo pionieristico in ambito tecnologico. Tuttavia, nelle varie regioni del mondo la mobilità elettrica e il relativo potenziamento delle infrastrutture hanno tempi di sviluppo molto diversi. Per questo stiamo valutando anche soluzioni innovative come la produzione sostenibile di combustibili sintetici. Questi saranno messi in commercio nei prossimi cinque anni. Secondo gli esperti, i cosiddetti eFuel potrebbero far risparmiare diversi milioni di tonnellate di CO₂ all’anno.

Che impatto avrà tutto ciò sulla futura gamma di modelli?

Porsche diventerà più elettrica, ma non sarà solo elettrica. Ad esempio non ci sarà una 911 a propulsione totalmente elettrica. Nei prossimi cinque anni investiremo ben 15 miliardi di euro nella mobilità elettrica, nella produzione sostenibile e nella trasformazione digitale.

Si sta dunque puntando sul futuro. Esistono obiettivi concreti?

Per noi le grandi sfide del nostro tempo rappresentano un’opportunità. La strategia Porsche 2030 stabilisce che diventeremo sempre più sostenibili e che prendiamo seriamente la responsabilità verso la società. A spronarci c’è sempre il nostro entusiasmo. Porsche rimane il marchio per chi insegue i propri sogni.

Perché ritiene la sostenibilità così importante?

La sostenibilità è un elemento centrale della nostra strategia. L’importante per noi è affrontare questo tema nella sua totalità, considerando ogni aspetto, economico, ecologico e sociale. Alla base vi sono sei campi d’azione, tra cui la decarbonizzazione, la diversità e una catena di fornitura trasparente. Li integriamo in tutte le attività future. Concretamente ci impegniamo a rispettare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul clima e, ad esempio, miriamo ad avere una produzione CO₂ neutra in tutte le nostre sedi. È quanto già accade a Zuffenhausen dall’inizio dello scorso anno. Lipsia seguirà quest’anno.

Porsche è un’azienda pionieristica nella mobilità elettrica. Quali valori tradizionali del marchio possono offrire un orientamento?

Fin dall’inizio Porsche ha agito in modo coerente in merito a garanzie a lungo termine, tecnologie dei gas di scarico e di sicurezza. Riciclabilità e durata sono sempre stati importanti, anche per i nostri clienti. La carrozzeria completamente zincata è stata introdotta in Porsche già alla metà degli anni Settanta. E siamo molto orgogliosi del fatto che molte delle Porsche finora prodotte siano ancora in circolazione. Cosa c’è di più sostenibile di un’auto vecchia di decenni che continua ad affascinare i suoi proprietari?

La Taycan è molto innovativa, anche per quel che riguarda la produzione. Come giudica le esperienze fatte finora?

Positivamente, da ogni punto di vista. La Taycan è stata uno dei progetti più impegnativi mai intrapresi da Porsche. Abbiamo costruito una fabbrica totalmente nuova nel nostro stabilimento principale. Abbiamo introdotto processi produttivi completamente nuovi e innovativi. Abbiamo creato ben 2.000 nuovi posti di lavoro e lanciato un intenso programma di specializzazione. E nonostante tutte le ulteriori difficoltà che abbiamo dovuto affrontare lo scorso anno a causa della pandemia del coronavirus, siamo riusciti a superare l’obiettivo originario di 20.000 unità vendute. La Taycan è una vettura dal grande fascino al momento giusto.

Segue ora la Cross Turismo. Quali esperienze della produzione della Taycan avete potuto usare per la sua ottimizzazione?

Al giorno d’oggi, in particolare per i veicoli elettrici, l’ingegneria automobilistica affronta un insieme di tematiche legate a hardware e software. La nuova Cross Turismo non fa eccezione. Non si tratta di un’auto completamente diversa. Per la prima derivata della Taycan non abbiamo dovuto rivoluzionare nulla. Abbiamo piuttosto individuato i dettagli che avremmo potuto migliorare. Maggior efficienza, maggior tipicità Porsche.

La Taycan e la Taycan Cross Turismo nascono grazie a metodi di produzione innovativi, cioè alla tecnologia produttiva 4.0. Quali sono le sue peculiarità?

Ciò che più salta agli occhi è sicuramente il fatto che nell’assemblaggio abbiamo sostituito la classica linea di montaggio con sistemi di trasporto senza conducente. Secondo il principio della catena di montaggio questi sistemi trasportano la Taycan, e ora la Cross Taycan, da stazione a stazione. La chiamiamo Flexi Line, ci apre nuove possibilità. Possiamo modificare l’assemblaggio in ogni momento, integrare miglioramenti o bypassare una stazione per, ad esempio, soddisfare desideri specifici dei clienti.

Prevedete di adottare questi metodi produttivi anche per altri modelli di serie o di estenderli a tutto il gruppo aziendale?

In relazione alla tecnologia produttiva Porsche 4.0 si parla spesso di rivoluzione. In effetti stiamo continuando a sviluppare quello che abbiamo creato già in passato con i metodi snelli, l’automatizzazione o nella pianificazione virtuale del prodotto e della produzione. La cosa più importante è che continuiamo a mettere al centro sempre le persone. Puntiamo su specialisti altamente qualificati. La digitalizzazione ci aiuta a creare un ambiente di lavoro ergonomico e supporta i nostri colleghi quando si devono esaminare processi molto complessi. Il nostro principio di Smart Factory non si limita a raccogliere dati in modo puntuale. Pensiamo a come si possano analizzare intere linee di processo per verificare il loro potenziale di efficienza e a come si possa garantire la dovuta qualità. Per questi aspetti lavoriamo a stretto contatto con i colleghi del Gruppo nell’ambito della piattaforma di produzione digitale (DPP).

Il suo obiettivo è la Zero Impact Factory. Quali sono le tappe fondamentali per arrivarci?

La sostenibilità risulta dalla somma di molti elementi singoli. La paragono a un puzzle. Fin dal principio la produzione della Taycan a Zuffenhausen è stata CO₂ neutra, dall’inizio del 2020 questo vale anche per i modelli 911 e 718. La nostra visione della Zero Impact Factory riduce al minimo l’impronta ecologica. Abbiamo già stabilito chiare linee guida. L’importante è avere un approccio d’insieme. Non vengono valutate solo le emissioni della nostra produzione, ma anche l’intero ciclo di vita delle vetture, dall’estrazione dei materiali al loro riciclaggio.

Dal 2014 Porsche ha ridotto del 75% le emissioni di CO₂ per ogni veicolo in fase di produzione e logistica. Con quali misure si può migliorare ulteriormente?

Con molta passione, lavorando nel dettaglio ed essendo persuasivi. Già oggi il 100% della corrente che usiamo proviene da energie rinnovabili. Inoltre espletiamo tutti i nostri trasporti ferroviari con energia verde rinnovabile e quindi con neutralità climatica. A Zuffenhausen produciamo calore nelle nostre centrali di cogenerazione azionate da biogas e quindi CO₂ neutre. Come si può notare, si tratta di un grande puzzle. Le idee non ci mancano e sicuramente non ci manca la voglia.

«L’efficienza è una delle caratteristiche fondamentali delle vetture sportive» Albrecht Reimold

Quando riuscirà Porsche a raggiunge l’obiettivo di Zero Impact Factory?

Siamo sulla buona strada. Ci siamo prefissi una tabella di marcia molto concreta in termini di tempi e contenuti. Grazie alle numerose tappe intermedie ci avviciniamo, passo dopo passo, sempre di più alla neutralità di CO₂.

Quale ruolo svolge la neutralità carbonica nella produzione dei componenti, in particolare nella produzione delle celle per le batterie?

Per poter ridurre le emissioni di anidride carbonica prendiamo in esame l’intera catena del processo. Per la produzione delle celle delle batterie ad alta tensione della Taycan abbiamo quindi imposto per contratto l’utilizzo di energie rinnovabili. E stiamo cercando di farlo anche in altri ambiti. Dato che creiamo un elevato valore aggiunto esterno, è chiaro che una quantità relativamente elevata delle nostre emissioni di CO₂ viene generata nella catena di fornitura. Perciò il tutto dipende anche da una stretta collaborazione e da un’elevata volontà di cooperare dei nostri partner e fornitori.

Cosa rende la Taycan una vettura sostenibile?

Già nella fase di sviluppo dei nuovi modelli abbiamo prestato particolare attenzione a costruzioni leggere, aerodinamica e riciclabilità. Nel complesso, il modo in cui costruiamo un’auto viene scelto così da poter produrre con il minor utilizzo possibile di energia. Usiamo poi, per la prima volta, materie prime rinnovabili, ad esempio nelle finiture delle portiere. E il rivestimento del pianale è composto, fra l’altro, anche da una fibra riciclata, ricavata dagli scarti delle reti da pesca.

La sostenibilità è un criterio determinante anche nel segmento delle auto sportive?

Più che mai. I nostri clienti sono preoccupati quanto noi per la loro impronta ecologica. Oggi si vive in modo più consapevole. Molta gente attribuisce importanza all’uso attento e sostenibile delle risorse naturali. Oggi non possiamo più puntare solo sulla sportività e sulle prestazioni.

Ma un’auto sportiva può essere un esempio per altri tipi di veicoli?

Anche in questo caso: assolutamente sì. L’efficienza è una delle caratteristiche fondamentali delle vetture sportive. Siamo quindi sempre un passo avanti e un modello di riferimento per le tecnologie efficienti. Si pensi, ad esempio, alla tecnologia ibrida. Prima di passare alla produzione di serie, l’abbiamo introdotta con successo nelle corse. Ciò che funziona bene nel segmento di mercato superiore, viene spesso adottato anche in altre classi di veicoli. Vogliamo svolgere un ruolo pionieristico in ambito tecnologico e perseguiamo questo obiettivo in modo tipicamente Porsche. Per questo stiamo adeguando l’azienda alla mobilità del futuro.

Quindi l’automobile è un’opportunità o un rischio per il clima?

Né più né meno delle altre conquiste della nostra civilizzazione. La mobilità individuale è uno dei bisogni fondamentali di un mondo altamente interconnesso. Oggi più che mai si riflette su quali siano le cose veramente importanti nella vita. Si mettono in discussione comportamenti consolidati e ci si chiede cosa sia veramente essenziale. Tutti possono trarne beneficio. Credo che in particolare l’elettromobilità ne trarrà grande vantaggio e riceverà una spinta decisiva. In futuro, tuttavia, continuerà a essere importante disporre di una molteplicità di sistemi di mobilità che tengano conto delle necessità individuali. Molta gente sogna di possedere un’auto privata. E noi di Porsche faremo di tutto per soddisfare questo desiderio in modo che sia il più compatibile possibile con il clima.

Albrecht Reimold

Il 59enne è cresciuto vicino a Stoccarda, ha studiato a Heilbronn e ha iniziato la sua carriera in Audi nel 1987. Dal febbraio 2016 ricopre la sua carica nel consiglio di amministrazione di Porsche

Thomas Ammann
Thomas Ammann
Articoli correlati

Dati sui consumi

Taycan Turbo S Cross Turismo

WLTP*
  • 26.4 – 24.4 kWh/100 km
  • 0 g/km
  • 388 – 419 km

Taycan Turbo S Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (WLTP) 26.4 – 24.4 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (WLTP) 0 g/km
autonomia elettrica combinata (WLTP) 388 – 419 km
autonomia elettrica in aree urbane (WLTP) 460 - 495 km
Classe di efficienza: A
NEFZ*
  • 26,4 – 24,4 kWh/100 km
  • 0 g/km

Taycan Turbo S Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (NEDC) 26,4 – 24,4 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (NEDC) 0 g/km
Classe di efficienza: A

Taycan Turbo Cross Turismo

WLTP*
  • 25.9 – 22.6 kWh/100 km
  • 0 g/km
  • 395 – 452 km

Taycan Turbo Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (WLTP) 25.9 – 22.6 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (WLTP) 0 g/km
autonomia elettrica combinata (WLTP) 395 – 452 km
autonomia elettrica in aree urbane (WLTP) 438 - 510 km
Classe di efficienza: A
NEFZ*
  • 25,9 – 22,6 kWh/100 km
  • 0 g/km

Taycan Turbo Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (NEDC) 25,9 – 22,6 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (NEDC) 0 g/km
Classe di efficienza: A

Taycan 4 Cross Turismo

WLTP*
  • 26,4 – 22,4 kWh/100 km
  • 0 g/km
  • 389 – 456 km

Taycan 4 Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (WLTP) 26,4 – 22,4 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (WLTP) 0 g/km
autonomia elettrica combinata (WLTP) 389 – 456 km
autonomia elettrica in aree urbane (WLTP) 463 – 541 km
Classe di efficienza: A
NEFZ*
  • 28,1 kWh/100 km
  • 0 g/km

Taycan 4 Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (NEDC) 28,1 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (NEDC) 0 g/km
Classe di efficienza: A

Taycan 4S Cross Turismo

WLTP*
  • 26,4 – 22,6 kWh/100 km
  • 0 g/km
  • 388 – 452 km

Taycan 4S Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (WLTP) 26,4 – 22,6 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (WLTP) 0 g/km
autonomia elettrica combinata (WLTP) 388 – 452 km
autonomia elettrica in aree urbane (WLTP) 462 - 532 km
Classe di efficienza: A
NEFZ*
  • 28,1 kWh/100 km
  • 0 g/km

Taycan 4S Cross Turismo

Dati sui consumi
consumo elettrico combinato (NEDC) 28,1 kWh/100 km
emissioni CO₂ combinato (NEDC) 0 g/km
Classe di efficienza: A