Un uomo che vede rosso

Porsche Svizzera – Classiche: Avere quattro Porsche 911 in garage non è di per sé sbagliato. Ancor meglio, poi, se tutte e quattro sono delle Targa rosse

   

«Immaginatevi di incontrare di nuovo il vostro amore di gioventù» Aschi

Molte storie d’amore Porsche sono iniziate così: il piccolo «Aschi» ha ricevuto in regalo una Porsche 356. Un giocattolo, una Distler Electromatic 1500 (oggi pure molto preziosa). Al bambino di 10 anni, tuttavia, è stato subito chiaro che un giorno avrebbe posseduto una vera Porsche. Ci sono però voluti quasi 30 anni nel retroterra bernese, prima che quel bambino si potesse permettere una 911 Targa Carrera 2 (964) nuova.

Quattro in un colpo solo:

Quattro in un colpo solo:

le Targa coprono (quasi) l’intero spettro dell’affascinante storia della 911

Il fatto che sia passato così tanto non è stato affatto dovuto alla mancanza di denaro. Ma nel paesino in cui Aschi viveva e lavorava, semplicemente non si guidavano le Porsche, bensì si viveva modestamente, lavorando molto.

Nel frattempo le Porsche 911 Targa sono diventate quattro. La più recente, una 991, è l’ultima Targa di questa serie ad essere stata consegnata in Svizzera. Di nuovo con il roll bar argento che dal 1965 in poi ha reso la prima 911 Targa un’icona di stile. Rossa, come tutte le altre 911 Targa di Aschi. Perché il rosso? «Non ho mai preso in considerazione alcun altro colore dopo il mio giocattolo del 356», racconta. «E perché il modello Targa?» «Allora non mi piacevano né la Cabrio né la Coupé», dice il bernese, che non vuole si dichiari il suo nome per intero. «Già nel 1990 mi è stato chiaro che doveva essere una Targa». A volte la vita è molto semplice. E Porsche ne ha tratto le somme in uno slogan pubblicitario per la 991 Targa: «Immaginatevi di incontrare di nuovo il vostro amore di gioventù. E che sia diventato ancora più bello».

La colpa è degli Stati Uniti d’America: all’inizio degli anni Sessanta, negli Stati Uniti vi furono alcuni tentativi di vietare le cabriolet. Dopo alcuni gravi incidenti con vetture scoperte, la reputazione di queste auto era rovinata, rimanevano come piombo negli showroom. E non pochi richiesero che fossero bandite completamente. Non si è arrivati a così tanto, ma Porsche aveva già reagito. La Targa è stata la soluzione, grazie al roll bar fisso, la sicurezza era garantita anche in caso di ribaltamento. Almeno in teoria, perché in quel momento pochissime persone si mettevano la cintura addominale, e di certo non la tendevano. Pertanto le persone venivano sicuramente catapultate fuori anche da una Targa.

La Targa è stata la soluzione, grazie al roll bar fisso la sicurezza era garantita

La Targa prende il nome dalla Targa Florio, la leggendaria corsa in Sicilia dove Porsche è stata in grado di ottenere alcune delle sue più belle vittorie dal 1956 in poi. Targa in italiano corrisponde al tedesco «Schild» che significa anche «scudo», ovvero proprio quel che è in realtà la sezione del tetto estraibile. 

Ovviamente, all’epoca, durante la fase di ideazione della 901, Porsche pensò anche a una cabriolet. Ma poiché la 356 aperta non si vendeva più particolarmente bene, i piani vennero temporaneamente sospesi. Solo nel giugno 1964 – nove mesi dopo la sua presentazione al Salone di Francoforte del 1963 – si decise che ci sarebbe stato spazio per una 911 aperta nel piano di produzione per il periodo dalla fine del 1964 alla fine del 1965 (la ridenominazione da 901 a 911 ebbe luogo alla fine del 1964). Karmann a Osnabrück fu incaricato del progetto e in effetti nel settembre del 1964 consegnò una 901 completamente aperta – di color rosso, tra l’altro – a Stoccarda. Lì si sarebbe dovuto installare il tetto. Nel 1965, però, la 911 molto aperta dovette lasciare il reparto prove perché nel frattempo Porsche aveva deciso di realizzare la Targa – pensando all’America – e la portò sul mercato nello stesso anno. Una 911 completamente aperta fu disponibile solo a partire dall’anno modello 1983. E poi una Speedster ancora più aperta nel 1989.

Rivelazioni
Per «Aschi» è stato sempre chiaro che doveva essere una Targa – la 911 (964) è stata la sua prima macchina 30 anni fa. Ma nel suo garage c’è ancora spazio

La piccola ma raffinata collezione Targa di Aschi comprende anche un cosiddetto modello G del 1978, con motore da 3 litri. È quella macchina dall’inconfondibile rumore metallico. La vettura più antica della flotta tutta rossa è una Targa del 1972, che Aschi ha fatto restaurare meticolosamente nel corso degli anni e che è quasi più bella oggi di quando venne consegnata al suo primo proprietario in Svezia da un concessionario Porsche tedesco. L’auto non è stata guidata molto da quando è stato completato il restauro, e questo è probabilmente uno dei motivi per cui Aschi sorride felice quando avvia il motore. Ci vuole un attimo per familiarizzare con i due carburatori sul giusto comportamento comunicativo. Come guidatori di auto moderne, come la Targa più recente, si è davvero viziati. Pedale abbassato, chiave girata – e l’elettronica fa tutto per il verso giusto. In passato era diverso, ci voleva (e ci vuole) un tocco sensibile al pedale per far girare senza intoppi il motore boxer a sei cilindri. Ci vuole anche una bella mano per dirigere la 911 che presto compirà 50 anni. Manca la durezza sportiva della 964, e comunque la precisione chirurgica della 991. Ma è un piacere enorme quando il motore boxer macina, calpesta e geme nella parte posteriore con il suo tipico rumore – e nella Targa aperta lo si sente al meglio. Si è proprio lì nel mezzo, non completamente distaccati. E ci si sente in qualche modo protetti, certo senza tetto, ma al sicuro.

Ci voleva (e ci vuole) un tocco di pedale molto sensibile per far girare senza intoppi il motore boxer a sei cilindri del 1972

Una storia d’amore:

Una storia d’amore:

il proprietario della collezione ha naturalmente un rapporto molto speciale con la sua prima Targa. E quella che viene usata più spesso

A volte Aschi invita alcuni colleghi. Quindi le quattro Targa vengono fatte uscire insieme. Il proprietario della casa, che ha fatto costruire un proprio garage per i suoi tesori, preferisce guidare la sua prima Porsche, la 964. Il piccolo gruppo attira sicuramente molta attenzione, poiché raramente si vedono quattro 911 Targa di anni diversi tutte insieme; quattro 911 Targa rosse probabilmente mai. «Non importa con quale ci si muova», dice Aschi, «ciascuna ha il proprio carattere, hanno tutte un sound molto diverso e viaggiano in modo molto diverso». Il viaggio è quindi la meta, la quotidianità rimane lontana, ma in cambio il cielo è vicinissimo. E quando poi i signori si siedono nel ristorante con giardino e parlano delle «loro» Porsche, il mondo va benissimo. In realtà, queste «giornate Targa» dovrebbero essere prescritte dal medico.

Peter Ruch
Peter Ruch
Articoli correlati

Dati sui consumi

911 Turbo S

WLTP*
  • 12,3 – 12,0 l/100 km
  • 278 – 271 g/km

911 Turbo S

Dati sui consumi
consumo carburante combinato (WLTP) 12,3 – 12,0 l/100 km
emissioni CO₂ combinato (WLTP) 278 – 271 g/km
Classe di efficienza: G
NEDC*
  • 11,1 l/100 km
  • 254 g/km

911 Turbo S

Dati sui consumi
consumo carburante combinato (NEDC) 11,1 l/100 km
emissioni CO₂ combinato (NEDC) 254 g/km
Classe di efficienza: G