Anima e cuore

La nuova Porsche 911 Turbo S completa la famiglia dei motori boxer.

Illustrazioni: DESIGN HOCH DREI, Porsche Engineering

Modelli Porsche 911 Turbo S
Consumo carburante combinato: 12,5–12,0 l/100 km
Emissioni CO2 combinato: 284–271 g/km
Categoria d’efficienza energetica: G (Stato 03/2020)

I valori del consumo e delle emissioni di CO2 sono stati misurati secondo il nuovo procedimento di misura WLTP.

I codici genetici di tutti gli attuali motori boxer di Porsche si chiamano 9A2 e 9A2 evo, rispettivamente per motori a quattro e a sei cilindri. Rappresentano un sistema flessibile di parti identiche, strutturalmente simili e individuali, che insieme formano una base collaudata e creano allo stesso tempo spazio per una variabilità massima di diverse caratteristiche. Questo si vede già dalla gamma delle opzioni: quattro o sei cilindri, motore aspirato o turbo, due o quattro litri di cilindrata, da 250 fino a 650 CV di potenza con coppie variabili da 310 fino a 800 Nm.

Quel che hanno in comune tutti i membri della famiglia boxer è, tra l’altro, la distanza dei cilindri: sempre 118 millimetri. Nei cilindri scorrono su e giù pistoni con diametri di 91 oppure 102 millimetri. Più precisamente: scorrono su e giù per 76,4 o 81,5 millimetri, a seconda dell’albero motore. Da queste caratteristiche e dal numero di cilindri derivano cinque diverse cilindrate e nove livelli di potenza nelle gamme di modelli 718 e 911. Tramite un determinato gruppo di parti identiche, che vengono utilizzate invariate in tutte le gamme di modelli, e componenti con principi di progettazione simili si ricava un elevato livello di sinergia nel sistema modulare di base del motore. Questo consente agli sviluppatori di concentrarsi sull’individualità richiesta nelle aree periferiche del motore, ad esempio sul tratto di aspirazione e sul sistema di scarico. Il risultato è tipicamente Porsche: dato che tutti i motori boxer hanno gli stessi geni, nonostante i loro diversi caratteri possiedono livelli di performance, efficienza ed emozionalità sostanzialmente simili.

Performance

Il nuovo motore turbo colpisce per l’eccezionale potenza erogata. La chiave di tutto sono compressori ulteriormente sviluppati con turbina a geometria variabile (VTG) e wastegate, nonché una gestione ridisegnata ed efficiente dell’aria di processo e di sovralimentazione

Efficienza

Contribuiscono ad aumentare le prestazioni e l’efficienza soprattutto l’ottimizzazione dell’attrito interno del motore e un processo di combustione risviluppato con iniettori piezoelettrici ora disposti centralmente

Emozione

Che si tratti di un motore a quattro o sei cilindri, aspirato o turbo, tutti i motori boxer Porsche hanno in comune il sound caratteristico, l’elevata briosità, la risposta spontanea e il baricentro basso per un massimo piacere di guida

Thorsten Elbrigmann
Thorsten Elbrigmann

Articoli correlati