John
Cranko
Schule

Chiarezza, ritmo e precisione caratterizzano il nuovo e spettacolare edificio della John Cranko Schule ubicato nel cuore di Stoccarda. Con il teatro dell’opera in vista, la struttura a blocchi monolitici sfalsati incarna la dinamica e la grazia della danza

   

Porsche Macan GTS
Consumo carburante combinato: 11,8–11,3 l/100 km
Emissioni CO2 combinato: 268–255 g/100 km (Stato 10/2020)

Tutti i dati tecnici riportati negli articoli possono variare a seconda dei Paesi. I valori del consumo e delle emissioni di CO2 sono stati misurati secondo il nuovo procedimento di misura WLTP.

Gabriel Figueredo
Il ballerino Gabriel Figueredo aveva solo dodici anni quando Tadeusz Matacz lo vide per la prima volta in Brasile. «È molto raro che il corpo e la musica si fondano in questo modo. È un privilegio che sia venuto da noi a Stoccarda». Premiato con numerosi riconoscimenti, l’ormai ventenne ha davanti a sé una grande carriera come membro del corpo di ballo di Stoccarda.

Mizuki Amemiya
Mizuki Amemiya, nata a Tokyo, ha iniziato la sua formazione come ballerina presso la scuola privata Hattori Ayako Ballet Class nella sua città natale. Nel 2014 Matacz l’ha portata alla John Cranko Schule di Stoccarda, dove ha concluso la sua formazione nel 2017. Come grande promessa del corpo di ballo della scuola di Stoccarda, la sua danza entusiasma per la sua leggiadria e leggerezza.

È la prima scuola di danza classica di nuova costruzione mai edificata in Germania. Con una lunghezza di 90 metri, integrata in una posizione privilegiata nel centro della città, un luogo di equilibrio su un pendio composto da dieci livelli. Gradini come una scalata al successo. «Per gli appassionati di danza classica, l’ensemble di Stoccarda è quello che Porsche è per gli appassionati di auto», afferma Tadeusz Matacz, direttore della John Cranko Schule dal 1999. Stoccarda si è guadagnata la sua eccezionale reputazione internazionale come città della danza già all’inizio del XVIII secolo, quando la corte del Württemberg portò in città le grandi star dell’Opéra de Paris. Dal cosiddetto «miracolo del Balletto di Stoccarda» negli anni Sessanta sotto la direzione del coreografo John Cranko, tutto il mondo guarda alla capitale sveva. Lo stretto legame della scuola con il Balletto di Stoccarda è straordinario. «In nessun altro luogo al mondo gli studenti possono fare le loro prime esperienze come parte della compagnia e ballare in prima fila insieme ai grandi ballerini. Questo è unico», spiega Matacz. Un numero gestibile di 120 studenti consente inoltre di lavorare intensamente con ognuno di loro.

Estetica sorprendente, composizione eccellente

Lo studio di architettura Burger Rudacs di Monaco di Baviera ha progettato la scuola in modo semplice e preciso come un imponente gesto monumentale: l’edificio si adatta al terreno come un terrazzamento. I giovani ballerini dovrebbero sentirsi liberi qui. «Crediamo che l’architettura e la danza classica abbiano alcuni tratti essenziali in comune», spiega l’architetta Birgit Rudacs. «Entrambe le discipline si occupano di questioni di composizione, dello spazio e del ritmo, temi trattati anche dalla concezione spaziale della John Cranko Schule dove, a nostro avviso, trovano anche una risposta».

Grazie alla struttura sfalsata dell’edificio è possibile percepirne l’uso. L’area centrale ospita otto sale prove con specchi a soffitto e l’amministrazione, mentre la zona del collegio per 80 studenti si trova all’ingresso sul lato Werastraße. Unica è la realizzazione di un palcoscenico per le prove, che corrisponde esattamente al palcoscenico del teatro dell’opera e offre un auditorium per 200 persone. È nascosto all’interno dell’edificio nello stile di una scatola nera ed è visibile da Urbansplatz attraverso la grande finestra del foyer.

Un capolavoro di equilibrio:

Un capolavoro di equilibrio:

nella nuova John Cranko Schule architettura e danza raggiungono l’equilibrio perfetto

Le pareti degli ampi corridoi, delle sale e delle scale sono in calcestruzzo a vista liscio. Chiaro, rilassante, concentrato. Non c’è nessuna caratteristica costruttiva che distrae dall’essenziale: la danza. Attraverso le grandi finestre e dal balcone, sono onnipresenti il teatro dell’opera e il panorama della città. L’obiettivo e il pubblico sono sempre in primo piano. Per gli studenti, questo luogo identitario e motivante rappresenta un significativo miglioramento spaziale. «Il nostro precedente domicilio versava in uno stato pietoso», ricorda Matacz, stanze piccole che non ispiravano, i cui soffitti, a causa della loro altezza, non permettevano di eseguire grandi salti.

Finestra con vista:

Finestra con vista:

dal 1996, Reid Anderson, ex direttore del Balletto di Stoccarda, si batte per la costruzione di un nuovo edificio della scuola vicino al teatro dell’opera
In ascesa:

In ascesa:

la John Cranko Schule forma i migliori ballerini per il famoso Balletto di Stoccarda
«In nessun altro luogo gli studenti possono ballare in prima fila con i grandi ballerini» Tadeusz Matacz

La danza – una lingua che tutti comprendono

I 120 studenti della John Cranko Schule provengono da 26 nazioni. La maggior parte di loro vive nel nuovo collegio della scuola. «Qui incoraggiamo i giovani di tutto il mondo in condizioni di formazione ottimali», spiega Andreas Haffner, direttore del personale e degli affari sociali di Porsche. «Questo crea qualcosa di molto importante: la diversità! Anche nelle prospettive. Con oltre 80 nazionalità che compongono il nostro staff, sappiamo quanto sia preziosa la diversità». Ci sono analogie tra il Balletto di Stoccarda e Porsche. «Nel corso dei secoli la cultura ha continuamente reinventato i propri stili. Per John Cranko era essenziale che la sua arte si evolvesse costantemente. Le sue coreografie creano ponti tra vecchio e nuovo, tra modernità e classicismo. La sua apertura e la sua voglia di cambiamento si adattano a Porsche», si entusiasma Haffner. Tradizione e innovazione. La cultura emoziona le persone in tutto il mondo. Per Porsche, sponsor principale del Balletto di Stoccarda dal 2012, questa connessione è una questione di grande importanza. La società ha sostenuto il nuovo edificio con dieci milioni di euro.

Promozione culturale:

Promozione culturale:

Porsche ha sostenuto la costruzione del nuovo edificio con dieci milioni di euro
«Nasce qualcosa di molto importante: la diversità» Andreas Haffner

Tadeusz Matacz non vede l’ora di lavorare nella Richard Cragun Saal, una sala prove senza luce naturale diretta: «Per me questa sarà la sala più interessante, dove si condenserà l’atmosfera tra i ballerini e la musica. Questa sala offre la massima concentrazione e ispirazione. Il coronamento è rappresentato da un pianoforte a coda speciale con un suono straordinario. Come sul palco, dove i ballerini, circondati unicamente dalla musica e dalla luce, entrano in contatto con gli dèi trasferendo questa magia al pubblico». Questo richiede una virtù straordinaria e un luogo speciale.

SideKICK: John Cranko

«John Cranko era una personalità incredibile. Come una calamita ha attirato i più grandi ballerini del suo tempo. Egli rappresenta il grande bisogno di massima qualità, arte ed emozione», afferma Tadeusz Matacz. Dopo aver terminato la sua formazione a Città del Capo, la carriera del coreografo d’eccezione Cranko iniziò al Royal Ballet di Londra. All’inizio degli anni Sessanta è venuto a Stoccarda inizialmente come coreografo ospite, portando poi, come direttore, la compagnia alla fama mondiale in soli dodici anni. Nel 1971 Cranko ha fondato la prima scuola di balletto statale in quella che allora era la Germania Ovest, scuola che porta il suo nome dal 1974.

Bettina Krause
Bettina Krause
Articoli correlati

Dati sui consumi

Macan GTS

WLTP*
  • 11,7 – 11,3 l/100 km
  • 265 – 255 g/km

Macan GTS

Dati sui consumi
consumo carburante combinato (WLTP) 11,7 – 11,3 l/100 km
emissioni CO₂ combinato (WLTP) 265 – 255 g/km
Classe di efficienza: G
NEDC*
  • 9,9 l/100 km
  • 225 g/km

Macan GTS

Dati sui consumi
consumo carburante combinato (NEDC) 9,9 l/100 km
emissioni CO₂ combinato (NEDC) 225 g/km
Classe di efficienza: G